La mia cronaca dall’Hacker Porn Film Festival

L’Hacker Porn Film Festival si svolge a Roma dal 2017 e la terza edizione si è tenuta dal 24 al 30 aprile 2019. Si tratta di un festival in cui si ha l’opportunità di vedere ed entrare in contatto con la scena queer e underground del porno, un’importante occasione per rendersi conto che ci sono un’infinità di desideri, perversioni, modi di entrare in intimità e fare sesso e altrettanti modi di rappresentarli.
Si sono succedute proiezioni di corto, medio e lungo-metraggi internazionali, talk, workshop, live performance e dj-set.
Al di là della cronaca che segue, vorrei cercare di trasmettervi l’importanza dell’esistenza di Festival come questo, indipendente e autofinanziato.

Hacker Porn Film Festival_logo

L’Hacker Porn è stata innanzitutto un’occasione per conoscere un altro tipo di cinematografia, per entrare in contatto con altre persone che non si accontentano di un solo punto di vista (quello mainstream) e sono curiose di indagarne altri; un contesto come questo permette oltretutto la creazione e condivisione di contatti umani, sociali, lavorativi.

Fra le altre, ho avuto il piacere di conoscere Maya Checchi, editrice di “Golena Edizioni(ex Malatempora, ora diventata collana), che si pregia di avere nel proprio catalogo titoli come “Post-porn modernist” di Annie Sprinkle, “Pornoterrorismo” e “Fica potens” di Diana J. Torres, “Diventare cagna” di Itziar Ziga, “Fuck the Fascism” di Maria Basura. Con lei ho fatto una lunga chiacchierata e sono rimasta colpita e affascinata dalle vicende del libro “Lei – Quando l’abuso è al femminile” di Franca Kodi, pubblicato nel 2014 e che ha subìto ostracismo da parte della stampa perché racconta la storia autobiografica dell’autrice abusata da bambina dalla propria madre.
Ho conosciuto Michele e Thrix, del non collettivo queer di Genova che – in occasione del prossimo Pride genovese (15 giugno 2019) – ha lanciato la call: “Be Your Pride!” per far confluire realtà transfemministe, inclusive, intersezionali in una giornata che si terrà il 16 giugno presso il Laboratorio Sociale Occupato Autogestito Buridda durante la quale ci saranno laboratori, spettacoli, momenti d’incontro e dibattito per confrontarsi rispetto alle tematiche riguardanti i diritti umani e sociali del mondo LGBTQI+.
Ciò che ho preferito maggiormente sono state l’atmosfera libera e disinibita, una certa rudezza del contesto, lontano dal mondo patinato al quale ci siamo abituat* tramite il marketing emozionale. Mi sono sentita a mio agio, svincolata dai canoni nei quali mi sento immersa quotidianamente e ho trovato una sorta di isola felice, che vorrei diventasse penisola e poi continente.

In questo articolo mi soffermerò sugli eventi, perché desidero dedicare un articolo specifico ai film che ho visto e mi sono rimasti più impressi nella memoria.

Sono arrivata al festival il 25 aprile, cominciando la giornata col workshop di auto-ginecologia condotto da Red, ginecologa e attivista, che ha inoltre fondato e coordina l’evento LadyFest Maastricht. È stato interessante condividere le nostre esperienze ginecologiche e affrontare tematiche specifiche a seconda degli argomenti proposti. Ho subito percepito solidarietà e voglia di confrontarsi. Lo scambio orizzontale di informazioni ci ha permesso di imparare qualcosa in più sul nostro corpo, su come viene percepito e trattato da chi si dovrebbe prendere cura di noi, oltre a noi, e inoltre ci siamo potut* dare indicazioni sulla base della nostra cultura generale e delle esperienze personali. È stato molto stimolante e positivo e credo che abbia reso meno doloroso il senso di solitudine e impotenza che spesso abbiamo provato al cospetto di specialist* che ci hanno trattato come se fossimo solo una vagina con un corpo attorno.

talk “Sessualità e Disabilità”, (da sx: Veronica Pinto, Fabrizio Quattrini, Mariella Popolla)

Venerdì 26 aprile ho preso parte al talk “Sessualità e Disabilità: l’utilizzo dei sex toys come esperienza educativa” con Fabrizio Quattrini (psicologo, sessuologo, docente presso l’Università degli Studi dell’Aquila, nonché vice presidente di LoveGiver) moderato da Mariella Popolla (sociologa, Università degli Studi di Genova). Specialmente quando si parla di disabilità che inibisce l’uso della parola o quando è coinvolto il sistema cognitivo, il discorso sulla consapevolezza e sui desideri della persona disabile devono essere compresi e interpretati da chi le sta vicino, che sia una/un famigliare o una/un educatrice/educatore/assistente/altro perché è importante che ci sia consenso, che diversamente può essere esplicitato a parole. Fra i problemi che affliggono le persone disabili ci sono la loro frequente infantilizzazione e il dare per scontato un orientamento sessuale etero.
Fabrizio ha suggerito la visione di “Gabrielle”, film canadese che racconta la relazione tra Gabrielle, affetta dalla “sindrome di Williams” e Martin, e il documentario spagnolo “Yes, we fuck!, che tratta la sessualità tra persone disabili.
La sera ho visto un estratto da “Io sono una puttana” spettacolo scritto e interpretato da Ninì, una sex worker che racconta sarcasticamente le sue vicissitudini tra stigmi, aneddoti e paradossi burocratici, sociali e culturali, nel tentativo di reinserire la sua professione nell’ambito strettamente lavorativo. Mi piacerebbe vedere l’intera pièce.

Sabato 27 aprile, dopo un’intensa giornata tra cortometraggi e lungometraggi, ho assistito alla performance “Metamorphosis 2.0” di Sabrina Casiroli, con Claudia Benedetti, Sabrina Casiroli, Nora di Bartolomei e Davide Moroni. Liberamente ispirato al mito della metamorfosi di Atteone, di Ovidio, la messa in scena non mi ha emozionata o colpito positivamente, anzi l’ho trovata un’esibizione pretestuosa per fare shibari in modo ginnico.

Domenica 28 aprile sono arrivata tardi al talk “Il gioco del sesso” con Proudence Baelish (scrittrice, sexual counselor, studiosa di BDSM e sessualità alternativa) moderato da Mariella Popolla, ma ho fatto in tempo a sentire l’ultima metà. Non è raro che ciò che facciamo nel privato spesso sia percepito in opposizione e contrasto con chi siamo e cosa facciamo in pubblico, come se le due sfere fossero inconciliabili. Fintanto che la perversione è consapevole e il gioco di dominazione/sottomissione consensuale va bene, se ci fossero forzature e soprusi non sarebbe più un gioco, appunto, ma un abuso. Il desiderio di oggettificazione non corrisponde all’oggettificazione stessa e comunque nasce dal desiderio della persona, non da un’imposizione esterna.
Quella notte Finn Peaks del collettivo Meow Meow di Berlino ci ha deliziati con la sua performance “Gimme Ten”, uno spiritoso e sexy strip-tease proposto come una lezione di aerobica che ha infervorato il pubblico.

esposizione delle foto di Marta Di Stefano

Lunedì 29 aprile è stata la volta dell’ultimo talk del festival: “Sex work” con Candy Flip (lavoratrice sessuale e performer del collettivo berlinese Meow Meow) sempre moderato da Mariella Popolla. Nonostante il “Prostitution Act” del 2001 abbia sancito che la prostituzione non è immorale in Germania, di fatto anche là il cosiddetto mestiere più antico del mondo è screditato e biasimato. Candy ha fornito informazioni sulla legislazione tedesca a riguardo e ha espresso il suo punto di vista come sex worker a Berlino. Al dibattito è intervenuta dal pubblico anche Ninì, che fa parte del collettivo transfemminista Ombre Rosse, di cui vi invito a leggere un’interessante intervista pubblicata l’1 luglio 2018 sul blog “La Falla”.
A mezzanotte mi sono goduta lo strip-tease di Azoto, un originale show in cui sono esplose tutta la sua queerness e fantasia, dalla scelta dell’abbigliamento alle musiche: l’inizio con “The Diva Dance” da “Il Quinto Elemento” ha scardinato l’idea di spogliarello fatto da mossette piacione, donandoci una sensualità e un erotismo fuori dagli schemi, perfettamente in sintonia con l’atmosfera oltre i confini del Festival.

Martedì 30 aprile, ultima giornata di Hacker Porn sono arrivata con imperdonabile ritardo, perdendo la premiazione, la retrospettiva del collettivo Meow Meow e la proiezione del loro “48h film project”, ossia un film ideato e girato in sole 48 ore da artist* ospiti (nel 2017 fu Maria Basura, mentre nel 2018 fu la volta di Ben Berlin), che per l’edizione 2019 ha visto Meow Meow impegnato a creare un porno all’interno del Forte Prenestino, storico centro sociale occupato della capitale. Sono riuscita a vedere la prima del documentario “Potere e Pregiudizio” di Paolo Lipari a godermi la festa di chiusura fino alle prime luci del mattino.

Sono rientrata a Milano con la borsa piena di flyers, adesivi, biglietti da visita, appunti e ricordi emozionanti di un’esperienza carica di stimoli e riflessioni.

Claudia Ska

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...