La categoria è: intersezionalità!

Di recente ho iniziato a vedere con una certa assiduità alcune serie tv e le ho trovate qualitativamente eccellenti, sia in termini di sceneggiatura che di recitazione.

Una che ho divorato è stata “Pose”.
Sebbene la prima stagione sia un po’ lenta e ripetitiva, sono riuscita ad andare oltre un lieve pregiudizio dovuto al ritmo e alla trama e, devo ammettere, che la seconda è stata davvero emozionante.
Le ballroom fanno da sfondo alle vicissitudini di persone transessuali (principalmente m to f), omo/bi-sessuali che vivono una costante discriminazione. L’ambientazione durante gli anni del governo Regan prima (col presagio di Trump che aleggia dall’omonima torre grande come il suo ego) e di quello Bush Senior poi, rende bene l’idea di un Paese per bianchi, etero, ricchi, sani.
A uno sguardo superficiale e affrettato potrebbe sembrare la storia di un gruppo di trans e gay il cui unico obiettivo è primeggiare ai ball, sfoggiando mise e pose audaci e sorprendenti, ma racconta innanzitutto le vicende di persone sulla (o ben oltre) soglia di povertà, che si prostituiscono o spacciano perché sembrano non esserci alternative quando anche fare la commessa non è accettabile se sei una persona transessuale immigrata, che si esibiscono in night club di bassa categoria o peep show malfamati, che non possono entrare in un gay bar perché è frequentato da uomini (bianchi) che escludono con violenza verbale e fisica transessuali, transgender e travestit* (molto interessante la discriminazione agita all’interno della comunità LGBTQI+ stessa, della quale si parla ancora troppo poco).
“Pose” parla molto di HIV e AIDS, di quanto sia costoso curarsi per chi non si può permettere un’assicurazione sanitaria e viene abbandonat* in ospedali fatiscenti, dove il personale medico e paramedico non basta, quello che c’è è spesso prevenuto, razzista, sessista, classista, salvo rare eccezioni. Affronta il tema della gentrification, del potere, dei soldi, della costruzione di un’identità personale e collettiva, anche in tale senso assume rilievo: viene passato il messaggio che la differenza viene fatta dai gruppi, dalle azioni plurali, dall’unione delle forze. Sì, c’è della retorica, me ne rendo conto, stiamo pur sempre parlando di una serie televisiva statunitense, ma questo non sminuisce la portata del progetto.

La sua forza sono le attrici e gli attori trans e omo/bi-sessuali: finalmente un’autorappresentazione che non risulta macchiettistica e, peggio ancora, moralista.
Mi permetto di spezzare una lancia a favore di attrici e attori cis, e magari etero, che nel corso della storia hanno interpretato personaggi transessuali e transgender: sono la prima a pensare che per interpretare (bene) un ruolo non si debba necessariamente essere, appartenere, identificare col personaggio, altrimenti nessuno avrebbe potuto vestire i panni di Hitler – per dire – ma va detto che, quelle che un mondo eteronormato e cisgenere tratta e definisce come minoranze, sono state messe in scena da sceneggiature e interpretazioni distanti dalla realtà, senza tenerle in considerazione.
Ciò ha origini estremamente antiche, se vogliamo: risale alle tragedie e commedie greche nelle quali le donne non potevano recitare e tutti i personaggi venivano interpretati da uomini.
Indicativo il caso di “Lisistrata”: una commedia dissacrante di Aristofane del 411 a. C. Lisistrata è una donna ateniese che riunisce e si mette a capo di un nutrito gruppo di donne provenienti da tutta la Grecia affinché si rifiutino di fare sesso con gli uomini, per convincerli a mettere fine alla guerra del Peloponneso. Peccato che quelle donne fossero interpretate da uomini, quelli che lo stesso Aristofane biasimava e ridicolizzava.

L’appropriazione di genere, come quella culturale, ha radici ben affondate in un terreno che solo relativamente di recente si sta smuovendo, non senza polemiche, ed è per questo che “Pose” assume un valore così grande. Portare sullo schermo quei personaggi e farli diventare popolari ha un’influenza sulla Società; di questo si parla nella serie stessa, quando esplode “Vogue” di Madonna e si intuisce che i riflettori verranno puntati sui ball e sulle persone che li animano. Una visibilità che è stata ed è strumentalizzata, ma che ha messo le/i protagonist* al centro della scena, almeno per un breve periodo.

Madonna cantava:

«[…] It makes no difference if you’re black or white
if you’re a boy or a girl.
If the music’s pumping it will give you new life
you’re a superstar, yes, that’s what you are, you know it
Come on, vogue!
Let your body move to the music (move to the music)…»

Potremmo continuare a parlare di appropriazione culturale: una donna bianca ha incrementato il proprio successo dipingendo le atmosfere delle ballroom, con un video patinato nel quale danzava con aitanti ballerini, in cui non vi è traccia di persone transessuali e apparivano solo due o tre donne. La protagonista era sempre lei, nonostante cantasse di un mondo di cui non faceva parte.

Quando pensate che il femminismo sia un argomento obsoleto, che riguarda esclusivamente le donne e magari le donne bianche benestanti, borghesi, guardate “Pose” e ne riparliamo.
Abbiamo bisogno di intersezionalità e di riflettere sul significato di questa parola, “Pose” ci dà l’occasione per farlo.

Claudia Ska