14/04/2020 – 27/07/2020

Politicamente scorrette – ché raccontare il sesso è un atto politico, specie quando è così orgogliosamente esplicito, deve essere scorretto, se la correttezza è limitante – le illustrazioni di Antonio Proietto aka Delicatessen non possono non piacervi.

Il sesso è divertente e divertirsi è sensuale.

Guardare le illustrazioni di Antonio Proietto, aka Delicatessen, dà un insieme di sensazioni: stupore, eccitazione, divertimento, shock, sconforto. La visione satirica, anche quando mette in scena personaggi precisi, guarda a tutt* e dunque tutt* ne siamo colpit*, inesorabilmente. E se questa satira si intreccia a uno dei tabù più possenti del mondo, cioè il sesso, non c’è modo di sfuggire; si può ridere, però, incassando il colpo, e con queste vignette diventa la cosa più naturale da fare.

Disegno da sempre, ma con continuità da pochi anni. L’ho sempre fatto per il piacere che mi provocava, senza un fine preciso, come un bambino immerso nei suoi giochi.Col tempo, e complici alcuni avvenimenti personali, ho meglio definito alcuni messaggi che volevo trasmettere, identificando anche dei bersagli preferenziali.
L’ipocrisia e il perbenismo, i precetti morali e religiosi, sono alcune delle gabbie nelle quali mi sono spesso sentito prigioniero e dalle quali fatico, tuttora, ad evadere se non per brevi episodi, grazie al disegno che ormai è diventato un modo per vivere una realtà desiderata, una società in cui vorrei vivere forse, anche perché certe costruzioni mentali sono difficili da demolire se hanno basi solide piantate nel tempo. L’educazione e le influenze ambientali, sebbene le percepisca malsane, hanno comunque formato il mio carattere.

L’arte, di qualunque forma ed espressione, libera dalle contraddizioni; a volte, semplicemente creandone di nuove, altre volte sollevandoci da esse. L’onestà che trovate in Delicatessen risiede nel fatto che non c’è alcuna pretesa di insegnare una morale, né di fare denuncia impegnata ma, di fondo, sterile.
C’è l’esplorazione della quotidianità con un campionario di oscenità e grottesco da fare impressione, tanto è dentro il nostro vivere. Proietto le ritrae e le decostruisce, rendendole per quello che sono: ridicole. Ma il ridicolo non è sempre un male, se libera da una costrizione. Così è il sesso raccontato in questa serie: come una fragorosa risata nel mezzo (ma anche dopo) una bella chiavata. E v’ho fatto pure la rima.

Senza un coinvolgimento multi sensoriale il sesso si riduce a un semplice atto meccanico. Ma il divertimento non deve essere deliberato, aggiunto in modo artificiale, ma assolutamente spontaneo. Che nasca dall’intesa fra due amanti che si conoscono profondamente o da un imprevisto comico durante una scopata con una persona appena conosciuta, non ha importanza.

Dovete godervi – e pure godere di – questa mostra così come viene: scorretta, carica di colore, irriverente, sporca. Non esiste patina nella realtà; tanto vale ricordarcene, scoppiando in una risata fragorosa e liberatoria.

Gea Di Bella

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

Antonio Proietto – The Comedy [CLOSED]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *