agit-pride: scuotere con orgoglio

Per il mese del Pride abbiamo pensato di dedicare uno spazio a una narrazione queer e sovversiva proprio come piace a noi. Ecco agit-pride: scuotere con orgoglio!

Durante il mese del Pride è difficile collocarsi in una posizione che non sia leziosa, al gusto rainbowashed e normativa, così noi di agit-porn, che ogni due passi proviamo a decostruire a partire dal nostro vissuto, abbiamo pensato di lasciare l’Open Space alle narrazioni queer che partono dalla comunità.

L’idea di radunare dellə artistə tramite una call è nata dalla volontà di raccogliere e unire voci differenti e, per l’appunto, corali. Non crediamo in un Pride individualista come il sistema oppressivo vorrebbe. Confidiamo nella necessità di una rappresentazione comunitaria di esistenze alla rivalsa (e ribalta).

In questa collettiva troverete persone appartenenti alla comunità LGBTQIA+  sia in quanto soggetti ritratti che in quanto soggetti creativi. Ci sono i corpi nella loro naturalezza, nei loro intrecci di relazioni che vanno ben oltre il solo “love is love” (ché l’amore non è l’unico collante di una relazione, ma soprattutto l’unico pretesto per validarne l’identità). Messaggi che sono emblema di un nuovo modo di sovvertire il pensiero e l’educazione predominante. Tecniche diverse, tra le più disparate, che attraversano le generazioni (fotografia, ricamo, matita e china, serigrafia). E c’è ovviamente quella carica erotica che non manca mai da queste parti.

Lə artistə che troverete qui sono tuttə diversə per età, identità e tecniche.
Ecco chi ha arricchito agit-pride:
Bianca El Malek (lei, le*) – Instagram: @biancaelmalek
Camilla Capitanio (lei, le*, lui) -Instagram: @pistamillabile
Caterina Di Salvo (lei, le*) – Instagram: @_lapescatricediasterischi_
Deliriodinegazione (lui) – Instagram: @deliriodinegazione
Hernan Chavar – Instagram: @hernan_chavar_workinprogress
Thomas Toti (lui) – Instagram: @tomtoti

Come visitare la mostra

Che tu usi pc o smartphone, clicca sulla singola “galleria” che trovi  in sequenza e scorri, da sinistra a destra, le immagini: troverai la didascalia con tutte le specifiche in basso.

Buona visita e ricordati di supportare lə artistə, le soggettività e le narrazioni queer e agitiamoci sempre, anche oltre l’arcobaleno.

Gea Di Bella

agit-porn

Titolo: “Fuck the Cis-tem” // Autorə: Bianca El Malek // Tecnica: punto croce e fotografia

Pride Month: l’arte di sovvertire con orgoglio

Giugno è il mese dedicato ufficialmente al Pride. Ricorrono eventi e iniziative a tema per celebrare e sensibilizzare le diversità.

Il passaggio da “Gay Pride” a “Pride” ha consentito di estendere il focus sui diritti civili delle persone omo/bi/pansessali, delle persone non binarie, fluide, transgender, intersex. Si è fatta luce anche sulla comunità kinky (spesso osteggiata all’interno della stessa comunità LGBTQI+) e sulle persone asessuali.

Un punto che crediamo sia nodale è l’inclusione di battaglie sociali, come quelle delle persone migranti e persino delle persone precarie (a tale proposito consigliamo l’intervento di  Antonio Rainò pubblicato nel 2019 su Linkedin).

Per noi di agit-porn il Pride non è solo celebrazione della diversità e dell’inclusione ma soprattutto della rivolta a uno status quo discriminante e autoritario.

La retorica dell’amore, del matrimonio, delle unioni civili e in generale di un decoro ricalcato su un modello eteronormato che fa acqua da più part è pericolosa e ridicola. Ancora una volta si chiede di adeguarsi a un paradigma che sia comunemente accettato.
Auspichiamo il sovvertimento di un sistema che riconosce il matrimonio (eterosessuale) come unico vincolo valido per ottenere una serie di diritti.
Desideriamo che l’amore (per una persona, una! Non sia mai che poi ci facciamo prendere la mano e scatta l’orgia! BTW: mammagari!) non sia un metro di misura per giudicare la nostra rispettabilità e validità.

Vogliamo che l’orientamento sessuale e il genere delle persone non venga strumentalizzato per specularci sopra e che chiunque venga trattato con onore.

CALL PER ARTIST*

agit-porn invita a partecipare alla call per artist* che vogliano esporre una propria opera (fotografia o illustrazione) che sia rappresentativa di un Pride che sbeffeggia il potere con audacia.

Vieni ad agitare l’Open Space di agit-porn!

Requisiti di partecipazione:
– max 3 (tre) opere originali;
– titolo opere + nome autorə;
– link alle opere se fossero già esposte altrove;
– inviare entro e non oltre il 13/06/2021 17/06/2021 alle ore 22.00 (ora italiana) tramite WeTransfer o Google Drive a new.agit.porn@gmail.com

Buy Me a Coffee at ko-fi.com