L’ossessione per l’HIV è un affare

Il primo dicembre è la giornata mondiale contro l’AIDS, che è la sindrome dell’immunodeficienza acquisita ed è causata dal virus dell’HIV. Come a ogni ricorrenza si coglie l’occasione per affrontare pubblicamente il tema e cercare di sensibilizzare all’uso di metodi preventivi (innanzitutto i condom, sporadicamente si fa riferimento a oral dam e guanti) e per invitare a fare controlli periodici e informarsi.

Di recente ho riflettuto sul paradosso della questione: mettendo sotto i riflettori l’HIV e l’AIDS per cercare di fare chiarezza, secondo me si rafforza il biasimo verso le persone che hanno contratto il virus, mettendo la questione su un piano diverso rispetto a quello di altre infezioni contratte sessualmente.
Perché il virus dell’HIV dovrebbe farci più paura dell’epatite, dell’herpes genitale, della chlamydia trachomatis, del papilloma (HPV), dell’ureaplasma urealyticum, del mycoplasma genitalium, del trichomonas vaginalis, della gonorrea, della sifilide? Molti di essi sono asintomatici, alcuni se non individuati e trattati tempestivamente possono portare a patologie.
E allora perché tutta questa ignoranza e indifferenza nei confronti delle ITS (infezioni trasmissibili sessualmente)?

Dal mio punto di vista la questione è principalmente politica.

L’HIV e l’AIDS sono stati spesso descritti come il male del secolo e non a caso la narrazione che se ne è fatta ha contribuito a rafforzare lo stigma nei confronti della comunità LGBTQI+, specialmente quella maschile e transessuale m to f (male to female), che a partire dagli anni ‘80 era quella più colpita dal virus.
Sono iniziate così le campagne e le ricerche per tentare di circoscrivere il fenomeno e trovare le cure, ma contemporaneamente le persone con HIV sono state isolate, raccontate con la doppia accezione di vittime e carnefici.
Se il sesso era un tabù, il terrorismo psicologico e politico riguardo il virus lo hanno fortificato, contribuendo a intensificare il pensiero sessuofobico. La stessa attenzione dedicata al virus dell’immunodeficienza umana non è stata dedicata alle sopra citate infezioni trasmissibili sessualmente e così la gente ha il terrore di contrarre l’HIV ma non l’herpes, per dire.

agit-porn

Hush Naidoo via Unsplash

Gli esami per l’HIV sono spesso gratuiti e anonimi se effettuati in strutture sanitarie pubbliche, perché non è funziona così per tutte le ITS?
In linea generale prima di accedere ai test per ITS si fanno colloqui con personale medico e/o paramedico dove viene chiesto che tipo di vita sessuale si conduce, che tipo di rapporti si sono avuti, con particolare attenzione ai rapporti non monogami e a quelli promiscui. Ora, parliamoci chiaramente, posso pure essere la persona più monogama del mondo, ma se la mia/il mio partner sessuale/affettiv* non lo è a mia insaputa e facciamo sesso senza l’uso di metodi barriera, capite bene che questi colloqui lasciano il tempo che trovano.
Mi sembra che tali informazioni vengano raccolte per mera tassonomia, non per un reale interesse alle persone e per poterle informare e istruire eventualmente in merito.
Quando andiamo a fare degli esami di laboratorio considerati di routine (emocromo, glicemia, colesterolo, trigliceridi e via discorrendo) non ci fanno il terzo grado: elenchiamo quali esami vogliamo eseguire, paghiamo se c’è da pagare, l’infermier* esegue il prelievo e aspettiamo pazientemente i risultati; perché per le ITS non è così, perché spesso ci si ritrova a subire un quarto grado di persone poco professionali e giudicanti?
Se vogliamo normalizzare queste tematiche — non per banalizzarle o passare il messaggio che non si debba fare attenzione, ma al contrario per inserirle in un discorso ampio e inclusivo di informazione, prevenzione e cura — allora dobbiamo approcciarci a esse come alle altre. Qualcun* potrebbe obiettare che se ho il colesterolo alle stelle non rischio di essere contagiosa, ma le ITS non sono le uniche infezioni che possiamo trasmettere, solo che su di esse c’è un’ossessione, e in particolare sull’HIV, perché la trasmissione avviene per via sessuale, appunto. Se non è sessuofobia questa, spiegatemi cosa altro potrebbe essere.

Inoltre mi amareggia la retorica, seppure con intenti positivi, che permea non solo la giornata mondiale contro l’AIDS ma la questione nella sua interezza.

agit-porn

Natasha Spencer via Unsplash

Seppure apprezzo il lavoro di alcune associazioni e fondazioni, tutta questa divisione e concentrazione su problematiche specifiche secondo me non fa che dividere anziché unire, stigmatizzare, anziché famigliarizzare.
Questo è il paradosso di cui sopra.
Chi ha contratto il virus soffre comprensibilmente dello stigma, quindi desidera che se ne parli in un certo modo per normalizzare l’argomento ed equipararlo al resto delle altre infezioni, ma di fatto questa parificazione sembra non esserci. Si continua a parlare di HIV e ITS, persone sieropositive e persone sane (persone con altre infezioni: non pervenute per inconsapevolezza, vergogna, pressapochismo, varie ed eventuali), profilattici per difendersi da HIV e gravidanze (ah, sì, anche dalle ITS, ma non non possiamo stare a enumerarvi quali, arrangiatevi!).
Se le ITS sono parimenti deleterie, perché non vengono raccontate in modo univoco?
Trovo tutto questo dannoso e ipocrita.
Un ulteriore esempio che mi fa indisporre e che contribuisce a bollare la comunità LGBTQI+: ai Pride si trovano numerosi stand di enti, associazioni e fondazioni dove testarsi per l’HIV, permane questa connessione tra non eterosessualità e immunodeficienza acquisita.
La mia non è una critica al fatto che si possano fare gratuitamente i test, anzi, ben venga, ma perché solo dell’HIV? Perché proprio durante i Pride se, peraltro, recenti indagini statistiche riportano che le persone contagiate dichiarano di avere un orientamento eterosessuale, seguite subito dopo da uomini che fanno sesso con altri uomini (presumo gay o eventualmente bisessuali)?

agit-porn

Teddy Osterblom via Unsplash

È molto facile scivolare trattando argomenti come questo, non so se sono stata in grado di veicolare quello che penso in modo lineare, chiaro e non equivoco, ci ho provato con tutta onestà e mi piacerebbe sapere cosa ne pensate, perché se ritenete che abbia scritto sciocchezze, che sia stata poco precisa, ambigua e se desiderate confrontarvi sul tema, a me farebbe molto piacere, perciò commentate, scrivetemi un’email oppure contattatemi tramite Instagram o Facebook.

Claudia Ska

Buy Me a Coffee at ko-fi.com

[Guest Post] “Nudo classista” di girlsplaining

Mi imbatto frequentemente in contenuti prodotti da persone che giustamente abbracciano la causa femminista e vogliono sensibilizzare i propri amici e follower rispetto al discorso della libertà di espressione femminile e/o ai tabù legati al corpo femminile, ma troppo spesso mi accorgo di un’omissione che a me sembra non casuale. Un femminista non può tralasciare per tutta una “predica” di qualche minuto, dopo aver elencato tutti i suoi validissimi argomenti e le sacrosante istanze di libertà contenute nel pensiero antisessista, un aspetto così centrale e determinante senza percepire un senso di vuoto, senza sentire puzza di bruciato. Nello specifico mi riferisco a quelle migliaia di video, post e contenuti di vario genere in cui si vuole affermare che una femmina sia liberissima di mostrarsi nuda e che questo non ne faccia una prostituta, cioè che la sua nudità sia legittima ma non debba avere per forza una funzione sessuale o forse, nell’ambiguità determinata da quel mancato che tra poco dirò, costoro si accontentano più specificamente di comunicare che la nudità sia legittima IN QUANTO non ha funzione sessuale, quindi implicitamente che sia legittima se, e solo se, non ha funzione sessuale. L’omissione di cui parlo consiste in quel famoso «non c’è nulla di sbagliato nella libera espressione della propria sessualità, anzi!» che in troppi si dimenticano di citare e di porre a premessa di ogni considerazione sul tema.

L’impressione netta è che le battaglie intermedie legate al femminismo pop e un po’ sublimato, ai #nudeisnotporn, fungano da dispositivi in grado di rafforzare la mentalità sessuofoba dominante, insomma che stiano alla rivoluzione femminista come i riformismi socialdemocratici stavano al comunismo: anche se chi li promuoveva era animato spesso da nobili intenti, fungevano da contentino per gli oppressi di modo che non giungessero mai alla certezza che ribellarsi fosse l’unica via.

agit-porn

Moltissime che ci mettono la faccia, la tetta o un grammo della loro energia per portare avanti la sacrosanta battaglia del #nudeisnotporn, del «perché sono nuda ciò non implica che io sia una puttana», probabilmente si sentono così oppresse dalla sessualizzazione coatta del loro corpo e della loro persona da non poter che desiderare disperatamente questo orrendo ma rassicurante compromesso: quello per cui siamo tutti nudi ma non siamo puttane e, chi invece è puttana, merita di essere trattato diversamente; quel compromesso per cui al #nudeisnotporn non necessariamente segue il #pornisnotevil (sarebbe meglio che precedesse) e i nostri corpi diventano liberi solamente di veicolare (a beneficio già sapete di chi) messaggi che rimandino anche solo implicitamente a target consumistici, a mode, tendenze e canoni estetici imprenditorialmente profittabili.

Il sesso? Quello rimane un tabù. Eppure chiunque si approcci anche timidamente allo studio delle discriminazioni di genere sa benissimo che tutto ha la sua genesi negli assunti sessuofobi e continua a essere sotterraneamente alimentato proprio dall’azione inconscia di questi ultimi, ossia i segni e sintomi più in evidenza del sessismo, come appunto le riserve più grette e ingenue sulla nudità femminile o aspetti ancora più superficiali e meno intuitivamente legati all’argomento “sesso” (vedi il mansplaining), non sono altro che l’ultimo stadio di un processo che ha come principio e motore la sessuofobia, l’attribuzione di uno statuto speciale alla sfera sessuale e la declinazione di questo assunto nelle forme più disparate.

Facciamo dunque un balzo in avanti: il corpo è già ben oltre l’ostacolo ma il cuore si ostina a rimanere indietro. La poderosa struttura giurisprudenziale, sociale e culturale che garantiva la perpetuazione del patriarcato è oramai defunta, pertanto non esiste più alcun appiglio per certo maschilismo puritano, nessun possibile riscontro di una ratio che giustifichi la violenza di certi comportamenti. Alle soglie del 2020 viene effettivamente a trattarsi di una forma di pensiero primitivo e disfunzionale ed è oramai doveroso approcciare al maschilismo puritano come a una psicosi. Nella terapia psicanalitica delle psicosi si usa la cosiddetta interpretazione verso l’alto, ossia per aggirare le angosce che insorgerebbero in un’opera di scavo graduale, si preferisce scandagliare direttamente le profondità nominandone i contenuti.

Io credo che, mentre le riflessioni dei singoli hanno ragione di percorrere ogni via possibile, l’attivismo e la divulgazione femminista dovrebbero invece assumere questo metodo, rinunciare a decostruire gradualmente tutti i passaggi logici che conducono dal segno-superficiale-A (es. avances sessuale alla modella di nudo) fino agli abissi della storia dell’uomo e dunque al tabù del sesso. Ciò al fine di evitare che proprio questa gradualità dell’indagine e del disvelamento si presti a fungere da dispositivo antirivoluzionario, da meccanismo omeostatico che garantisce al sessismo e al capitalismo una sopravvivenza in forma accomodata.
Sarebbe il caso di partire dal #pornisnotevil e non dal #nudeisnotporn: solo dopo aver statuito che il sesso non sia qualcosa di speciale e dunque di delicato e pericoloso, solo allora potremo essere certi che «mi spoglio ma non per eccitare sessualmente» sia una libera scelta e non invece una forma più subdola di slutshaming, una negazione forzata, l’ulteriore tabuizzazione di un aspetto naturale (la sessualità/l’erotismo) insito in praticamente ogni comportamento umano, dunque l’ennesima strategia culturalmente data di sublimazione di ciò che che è ancora oggetto di divieto.
Finché non ci sembrerà del tutto innocuo e privo di particolari conseguenze sociali postare una foto con un pene in bocca o con la faccia inondata di sperma, i nude-not-porn rappresenteranno una forma normata dell’espressione di un falso sé, non saranno diversi da quelle che oggi sono le pubblicità dei reggiseni (col loro implicito «se non lo metti sei una schifosa esibizionista, i tuoi capezzoli devono essere ben nascosti!»).
Già oggi, a dimostrazione di quanto questo femminismo flat sia in fondo molto in ritardo sull’agenda della rivoluzione antisessista, si comincia ad avvertire tra i giovani adulti dei ceti più istruiti una certa istanza conformista anche se non apparentemente così perentoria: non hai nemmeno una foto di nudo un po’ artistico, pseudonaturista, alternativo o vattelappesca sui tuoi social? Allora c’è qualcosa in te che non va (che poi è un ragionamento non del tutto privo di una sua pregnanza).

agit-porn

Chi conosce il mondo della pornografia web (oramai amatoriale e quasi sempre non consensuale) sa bene che esiste già una sorta di muro invisibile che divide le “zozze” dalle modelle d’arte o ragazze alternative di classe media. Per ragioni che non sarebbe opportuno illustrare in questa sede, le ragazze consapevoli di classe media, a parità di valenza trasgressiva del contenuto pubblicato, ricevono una quantità di molestie infinitamente minore ma soprattutto una qualità diversa di molestie. È infatti interessante assistere a quegli sporadici incidenti, quelle crepe che si creano ogni tanto nel guscio esterno delle nostre filter-bubble in cui un frequentatore di canali di pornografia degradata, abituato a interagire con “sciampiste ragazzine tamarre”* e proletarie dell’erotismo social (coi loro contenuti di cattivo gusto a metà tra un prediciottesimo e le pubblicità dei club privé), inciampa in uno di questi profili più elitari e fa una fatica enorme a decodificarli, il risultato è sempre qualche interazione molesta in cui fa la figura del cinquantenne viscido maschilista (cioè di sé stesso).
Questo perché accade? Perché il #nudeisnotporn è un privilegio, uno status symbol nelle mani di chi ha gli strumenti intellettuali, culturali, sociali ed economici per sofisticare l’espressione di sé; mentre chi non è in grado di produrre un nude che sia qualificabile come not-porn, ovvero le proletarie dell’erotismo di cui sopra, costoro saranno sempre condannate a essere carne da macello, bestie in preda alle peggiori forme di molestia, allo stalking, alla minaccia perpetua (alimentata anche dall’assenza di un diritto all’oblio) per la propria sicurezza personale.
Se non si vuole favorire un semplice riposizionamento delle convenzioni e dei costumi in chiave forse ancora più classista e repressiva di prima, occorre fare ciò che ho poc’anzi proposto: prima abbattiamo il tabù della pornografia, poi cominciamo a spiegare alla gente che non tutta la nudità è pornografia. Impariamo a dire «anche fossi una puttana o una ninfomane, sarebbe semmai una cosa di cui vantarmi» e solo dopo a precisare «comunque in questo caso non lo sono e non voglio essere approcciata sessualmente». Sicuramente è la via meno semplice, ma è l’unica via per vivere in un mondo finalmente liberato da questo mostruoso tabù e un mondo autenticamente non sessista.

*I termini irriverenti utilizzati in questo articolo devono intendersi come descrittivi, in chiave ironica, di stereotipi sociali e culturali i quali tendono a esercitare un’attrazione sulla [auto-]percezione e sui comportamenti degli individui, uniformandoli o ingabbiandoli nella ripetizione di pattern interattivi rigidi e condannandoli all’assunzione di ruoli sociali ben definiti.

Questo articolo è stato gentilmente scritto da girlsplaining, che non ci ha lasciato uno straccio di bio, ma che trovate su Instagram.

agit-porn

girlsplaining

Buy Me a Coffee at ko-fi.com