Imbarchiamoci nel 2021

Qualche mese fa ho fatto binge watching di “The handmaid’s tale” e in un episodio  in cui la scena era ambientata durante un veglione di capodanno, due personaggi cantavano “Islands in the streams” di Dolly Parton al karaoke.

Avrei voluto scrivere qualcosa di intelligente e motivante, ma messa davanti alla pagina bianca il nulla cosmico ha pervaso la mia testa e l’unica cosa che mi sia venuta in mente è stata quella canzone.
La serie (tratta dal romanzo omonimo del 1985 di Margaret Atwood) è una distopia, quindi non è che sembri proprio un buon augurio il mio, me ne rendo conto, eppure lo è.
Il testo recita:

«Islands in the stream
that is what we are
No one in between
How can we be wrong?
Sail away with me
to another world
and we rely on each other, hahah
from one lover to another, hahah
»

E allora, per il 2021 e per sempre finché ci sarà vita, cerchiamo di essere solidali fra noi, pur restando individui, non dimentichiamoci della collettività.

Claudia Ska

Sesso da paura – Psyco

Car* amic* della paurissima e di quel brividino che è sia del terrore che dell’eccitazione, bentornat*!
Dopo una meritata pausa estiva, riprendiamo in pompa magna la rubrichetta di agit-porn che vi recenzospiega film che probabilmente avete già visto, ma ve li fa rivalutare in chiave poVno. È davvero necessario, vi chiederete voi? Certo che lo è, perché il sesso è ovunque, anche al cinema, car* amic* miei (scusate, ultimamente ho esagerato con “Io, professione mitomane“). Continue reading